Luigi Alberto Amico

Nato a Genova nel 1963, sposato con tre figli, ama profondamente il mare e la pesca ed è abilitato al comando di navi da diporto. La storia di famiglia ha le sue radici nella cantieristica navale dei primi del 1700, a Loano. Dal padre Guido assorbe la passione per il mare, i mestieri ed i valori etici.
Fin da bambino dimostra grandissimo interesse per l’ingegneria nautica: nel 1973, in navigazione in Corsica, a bordo di un Cantieri di Pisa Kitalpha, una delle linee d’asse viene danneggiata a causa della perdita di una pala di un’elica. Insieme al padre e alla sorella maggiore, sostituisce la linea d’asse e l’elica a barca galleggiante, lasciando increduli i frequentatori della baia.

Nel 1988 si laurea con lode in Ingegneria Elettrica e Automazione presso l’Università di Genova.
Dopo una esperienza lavorativa di un anno in una azienda navalmeccanica, nel 1990 entra nella società di famiglia Luigi Amico Srl, fondata nel 1885, attiva nel settore delle riparazioni navali nel porto di Genova.
Nel 1990 intuisce le potenzialità del nascente mercato dei grandi yacht e progetta il layout di un cantiere innovativo nel settore refit. Nel 1991, con il supporto del padre Guido Amico, fonda e dirige il cantiere Amico & Co, dedicato alla riparazione e ristrutturazione di superyacht, mentre nel 2010 apre un secondo cantiere, Amico Loano, nella riviera ligure di ponente.

Tuttora alla guida dei due cantieri, con il ruolo di Presidente e Direttore operativo, Alberto Amico ha portato il nome Amico ai vertici del settore refit, grazie ad una visione del business basata su qualità, efficienza, valorizzazione delle risorse umane e delle capacità della manifattura italiana.